top of page

ELIMINAZIONE INAPPROPRIATA FELINA


L'eliminazione inappropriata felina è un disturbo molto comune che affligge molti proprietari di gatti.


PERCHÉ INAPPROPRIATA?


Fare pipì fuori dalla cassetta è considerato, a tutti gli effetti, un comportamento inappropriato.

Siamo di fronte a questo problema quando le urine vengono emesse in differenti punti dell’abitazione in quantità abbondanti.

Il comportamento di eliminazione corretto, nel gatto, prevede lo scavare nella sabbia con le zampe anteriori, urinare in posizione accovacciata e, dopo aver annusato, ricoprire il tutto sempre con gli arti anteriori.

Quando presente una minzione inappropriata su base comportamentale, questa sequenza di comportamenti potrebbe essere incompleta o stravolta, oppure rimanere inalterata ma prevedere l’eliminazione di urine al di fuori dell’apposita lettiera.


COME MAI?

La minzione inappropriata può avere diverse cause:

  • cliniche quali cistiti o dolore articolare che provoca impossbilità di rimanere in posizione eliminatoria

  • comportamentale

  • la contemporanea presenza di entrambe le problematiche sopra riportate


QUAL È LA DIFFERENZA TRA MARCATURA URINARIA ED ELIMINAZIONE INAPPROPRIATA?


La marcatura urinaria è l’eliminazione di urina non correlata allo svuotamento fisiologico della vescica, ma con l’intento di lasciare un messaggio visivo e olfattivo (in differita) ai conspecifici o ai soggetti di altre specie. È un normale comportamento più presente nei maschi, ma non è raro riscontrarlo anche nelle femmine.

In questo caso le urine vengono deposte su un substrato verticale, dopo una ricerca del punto adeguato, non accucciandosi ma rimanendo in stazione quadrupedale e contemporaneamente facendo vibrare la coda e, qualche volta, vocalizzando.


L’eliminazione inappropriata è una sintomatologia comune a diverse problematiche comportamentali tra le quali non è sempre semplice orientarsi.

Quando il problema è di ordine comportamentale, le cause di queste patologie possono essere coincidere con cambiamenti dell’ambiente, con limitazioni dello spazio, oppure con la convivenza con altri gatti e cambiamenti relazionali all’interno del gruppo.

Anche l’avanzare dell’età può portare alla comparsa di questi sintomi, che non devono essere sottovalutati fin dall’inizio.

Una visita comportamentale, dopo aver escluso le cause organiche, potrà aiutare a emettere una diagnosi.


COME RISOLVERE IL PROBLEMA DAL PUNTO DI VISTA COMPORTAMENTALE?


Per risolvere i problemi comportamentali legati all’eliminazione inappropriata e alla marcatura è indispensabile individuare la causa scatenante e fare una corretta diagnosi.

L’intervento terapeutico può prevedere una terapia comportamentale coadiuvata dall’utilizzo di feromoni e, in alcuni casi, di un supporto farmacologico.

La corretta terapia comportamentale è orientata a ridurre le cause di stress e accrescere la capacità di adattarsi del gatto e comporta modificazioni ambientali (arricchimento ambientale) e modificazioni della relazione per ridurre il disagio nel gatto e costruire una sicurezza emotiva.

Non sottovalutiamo inoltre la componente degli odori che, in un animale con il senso dell’olfatto così sviluppato, spesso può essere una discriminante di fondamentale importanza.

La diminuzione dell'odore della lettiera può essere una componente importante del trattamento per affrontare l'eliminazione inappropriata del gatto.


Quali sono le informazioni importanti da raccogliere in questi casi?


La raccolta anamnestica dovrebbe comprendere informazioni in relazione:


  • Alla frequenza e alla modalità di eliminare urine

  • Al luogo interessato (dove urina il gatto?)

  • Al/ ai substrati scelto/ i (tappeti, pavimento, lavandino…)

  • Alla postura del gatto (per esempio accucciata o quadrupedale)

  • Alla quantità di urina emessa

  • Alla sequenza del comportamento (è normale o alterata?)

  • Alle caratteristiche della lettiera utilizzata

  • Alla pulizia della lettiera e della cassetta (con quale frequenza vierne pulita?)

  • All’anamnesi ambientale e alle uscite

  • Al comportamento alimentare (per esempio il tipo di alimentazione per pianificare eventuali cambiamenti dietetici);

  • Al comportamento dipsico (ovvero di abbeverata)

  • Al comportamento di marcatura (non solo urinaria ovviamente)

  • L’anamnesi medica (visite cliniche ed esami precedenti)


A che età può insorgere?

Il comportamento di minzione inappropriata può essere presente fin dalla giovane età del gatto a causa delle non corrette condizioni di allevamento o crescita, oppure a causa di una scorretta gestione ambientale, oppure in seguito al distacco precoce dalla madre poiché la scelta del luogo e la sequenza di eliminazione sono apprese dalla terza settimana di vita grazie all’imitazione del comportamento materno.

Anche l’invecchiamento può influire, specie in caso di disfunzione cognitiva.

Certo risolvere il problema non è semplice, ma una buona partenza è sicuramente la lettiera ideale!


Chiudiamo questo BLOG con alcune informazioni sulla lettiera ideale per un gatto (primo step per assicurare un'area di confort per il nostro micio in un momento “delicato” quale quello dei bisogni):




228 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page